In Romagna con noi
facebooktwitter
Ascom Cervia
Romagna Amica

Faenza

La strada del Sangiovese e dei sapori delle colline di Faenza

Romagna Amica

L’Appennino faentino nel primo decennio del terzo millennio si è manifestato con un nuovo appeal turistico sia nel senso della ricezione ovvero dell’offerta per il pernottamento, sia nel senso delle nuove motivazioni del viaggio o dell’escursione breve come quelle enogastronomica e ambientale.

Il primo slancio, però, è stato offerto dalle aziende agricole, soprattutto da quelle vitivinicole che si sono evolute e hanno adeguato sia la lavorazione in vigna sia la vinifi cazione per passare dal prodotto venduto sfuso al vino imbottigliato con denominazione di origine protetta (Dop) e, molto spesso, invecchiato in barrique e affi nato. Per fare conoscere e per promuovere le aziende con questo tipo di produzione è stata costituita la “Strada del Sangiovese e dei sapori delle colline di Faenza”, un’associazione che è anche un vero percorso, perché, grazie alla segnaletica stradale, chi si sposta tra le località di Oriolo dei Fichi, Faenza, Brisighella, Modigliana, Riolo Terme, sfi ora Casola e scende poi verso Castel Bolognese, può scegliere le cantine dove fermarsi a degustare e acquistare ottimi vini, può pernottare in agriturismi, B&B e relais, può conoscere i migliori caseifi ci della Romagna.

E, se la motivazione oltre che gastronomica è anche culturale, le soste nei borghi saranno l’occasione per approfondire la conoscenza delle connessioni che esistono tra la storia, le tradizioni e le colture che si sono diffuse nei diversi luoghi.